fbpx
 
 

Prosegue il ciclo di incontri dedicato a “Cinema e antifascismo”, organizzato dall’Anpi di Cesenatico e condotto da Gianfranco Miro Gori con la collaborazione di Luca Morellini.

Dopo il primo incontro rivolto al cinema nell’epoca fascista, la prossima serata, in programma per venerdì 16 febbraio alle 20.45 nel museo della Marineria di Cesenatico (via Carlo Armellini 18), sarà dedicata a “Cinema e Resistenza”.

cinema

Il cinema, medium più potente del Novecento, almeno fino all’evento della televisione, e ultima grande narrazione scaturita dalla creatività umana, oltre che spettacolo di massa che parla a tutte le classi sociali, ha costituito e costituisce un potente fattore di diffusione di idee e valori; e nello stesso tempo riflette lo “spirito dei tempi”. Per queste ragioni è stato definito dallo storico Marc Ferro, “agente e fonte della storia”.

Ed è partendo da questi presupposti che Gori e Morellini ci condurranno, con parole e immagini, lungo un viaggio dal 1945 ai giorni nostri tra i film dedicati a quell’evento cruciale della nostra vicenda repubblicana denominato “la Resistenza”.

 
 
 
 
 
 
 

Ne verranno raccontate le varie fasi e illustrati i film principali anche con l’ausilio di brani cinematografici. Dal primo momento, che resta scolpito non solo nella storia d’Italia, costituto da Roma città aperta di Rossellini, ai periodi in cui la Resistenza scompare dagli schermi per poi riapparire come un fiume carsico in altri stadi della storia nazionale.

Come ha scritto in modo folgorante Claudio Pavone nel 1991, la Resistenza fu guerra di Liberazione, guerra di classe, guerra civile. Il cinema ha rappresentato e a volte anticipato questa fondamentale interpretazione storica, esibendo le sue straordinarie qualità di “autobiografia della nazione”.

 
Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply