Retroscena

Movimento Sardine a Cesenatico? Da quanto trapelato la volontà c’è tutta. La macchina organizzativa del movimento Sardine in movimento di Cesena è in azione insieme a esponenti di Cesenatico. E non pare spaventata dal breve preavviso del passaggio di Matteo Salvini a Cesenatico di domenica 5 gennaio ufficializzato oggi, tre giorni prima. Solo poche settimane fa il movimento Sardine in salsa cesenate ha coinvolto migliaia di persone in piazza del Popolo a Cesena. Ed era al suo debutto. A poche centinaia di metri c’era, come da copione, Matteo Salvini.

A Cesenatico si sta organizzando una stessa manifestazione che trae forza e menti proprio dall’esperienza di Cesena. Da quanto trapelato infatti l’intento è quello di essere dalla parte opposta del leader del Carroccio. Un’opposizione non solo di ideali ma anche di sponde del porto canale. Se Salvini sarà a levante davanti alla Pescheria (una provocazione?) le sardine a Cesenatico vorrebbero andare in zona Squero, lato ponente, dove c’è il traghetto. A un centinaio di metri in linea d’aria da Salvini. Così vicini, ma così lontani.

Al momento della stesura del servizio devono ancora essere chieste e concesse le autorizzazioni alle sardine quindi nelle prossime ore torneremo sull’argomento per dare maggiori informazioni.

Please follow and like us:
Alessandro Mazza

Alessandro Mazza

Mi piace farmi gli affaracci vostri!

3 Comments

  • Avatar Massimo ha detto:

    Che pena non avere un’identità essere manipolati strumentalizzati da una regia che non HA il coraggio di metterci la faccia… ha creato questo movimento per dire: andate avanti voi che a noi ci viene da ridere ‍♂️ Il coraggio sinistro

    • Quel che fa Salvini attualmente ha poca rilevanza, viceversa quel che stanno facendo le cosiddette sardine, cioè nulla, mi fa girare le scatole, negli anni sessanta,70,quando andavamo in piazza, scioperavamo,combattevamo e abbiamo ottenuto diritti, (seppur con degli errori), per le donne,legge 300, ecc…tutti diritti, che negli ultimi anni i giovani ed alcuni vecchi borghesi, si son fatti fottere, dagli stessi politicanti, che probabilmente oggi, usano i codardi e prezzolati, sardine,per distrarre le masse dai veri problemi, questi codardi, negli anni sessanta già esistevano e cercavano sempre di intrufolarsi nelle nostre manifestazioni e regolarmente ricevevano calci in culo, e tornavano a coda bassa, nei loro centri sociali, a farsi mantenere dalle loro famiglie borghesi, questi vigliacchi che nulla hanno a che vedere con la nostra antica è sparita sinistra,anziché andare in piazza a combattere,(come fanno i francesi),per i diritti degli invalidi, dei lavoratori,pensionati constantemente truffati dai loro mentori, per diritto alla casa, equità fiscale per tutti, contro uno stato a gestionale mafiosa, che dal dopoguerra governa l’Italia ,questi codardi, hanno il plauso di Mattarella? capirai!! ricordo l’assassinio dell’eroe Piersanti, come ricordo che il sig.mattarella che dopo lomicidio di stato, come gli altri,penso’bene di accettare di andare come ministro nel governo Andreotti, oltre che aver girato quasi tutti i partiti di allora,forse Mattarella, era l’unico siciliano a non sapere chi era salvo Lima? I bontade,i greco,Riina,ecc.per cui del plauso di Mattarella io non saprei che farmene e per me quel signore non è certo da esempio ai miei figli o nipoti.(opinione personale),unico presidente della Repubblica che ricordo, degno di tale onore fu Alessandro Pertini, oltre che ai vecchi,Einaudi,Saragat, Gronchi, ecc…ma quelle sono storie antiche, di veri uomini, anche se di diverse ideologie o pensieri miei, non sono mai stato democristiani.

      • Avatar Massimo ha detto:

        Concordo pienamente. Purtroppo oggi come dice l’ex compagno del Movimento Studentesco del”68 Mario Capanna “oggi non c’è più ideologia politica… si manifesta solo a comando da “Dipendenti politici che ogni giorno cambiano opinione con il solo unico interesse di essere seduti ad una poltrona per avere un buon ritorno economico … nessuna ideologia politica con proposte e idee. È molto triste

Lascia un commento