a cura di Mario Pugliese
foto di Mazza
Esattamente un mese fa – il 7 marzo – a Cesenatico veniva diagnosticato il primo contagio da Covid-19. Era il segno – tanto temuto – che quel virus cinese, di cui avevamo sentito parlare solo in tv, era arrivato tra di noi. La reazione fu, come sempre, scomposta e, tra virologi da bagaglino e complottisti onniscienti, partì un’insensata caccia all’untore (“abbiamo il diritto di sapere”, strepitavano nevrotici i post sui social). Poi, giorno dopo giorno – a Cesenatico come in tutto il mondo – i casi sono aumentati e abbiamo capito che identificare il “paziente zero” non avrebbe cambiato le cose.
quarantena cesenatico
All’inizio, diciamo la verità, il clima era quello da “villaggio di vacanza”: niente scuola, niente lavoro (al massimo lo smart-working in tuta e ciabatte), le serie bulimiche di Netflix, i flash-mob patriottici sul balcone, i lenzuoli “Andrà tutto bene” e la ritrovata intimità familiare. Poi, col tempo, abbiamo capito che la reclusione non sarebbe stata una questione di giorni, forse neppure di settimane. E allora, con l’incubo di una stagione turistica davvero a rischio, abbiamo iniziato a preoccuparci. Sul serio. Perché questo paese vive in simbiosi con il turismo e, senza di quello, a settembre saremo tutti più poveri e più indebitati.
Con sullo sfondo la macabra prospettiva di un lockdown prolungato fino al 3 maggio, questi sono i giorni di una nuova, più cruda, consapevolezza. I conti correnti cominciano a scendere, i ragazzini a scalpitare e l’idea che “nulla sarà più come prima” comincia a farsi largo anche tra gli ottimisti più irriducibili.
Che cosa resterà di questa quarantena? Una grande lezione di vita e le immagini funeree di una Cesenatico che non vorremmo vedere mai più. E così, anche per esorcizzare lo spettro di un Covid-20, abbiamo fotografato gli scorci più caratteristici della nostra città, quelli che – da sempre – racchiudono l’identità della nostra storia e delle nostre radici.

Nudi, deserti, svuotati da ogni bisbiglio, i palazzi di Cesenatico oggi sembrano mausolei di una comunità quasi estinta, come la Pripyat del dopo-Chernobyl. Imponenti e silenziosi, sigillati, scheletrici e defraudati da ogni refolo di vita, come sentinelle del nulla, aspettano senza memoria il ritorno alla normalità.

La situazione attuale.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
 
Please follow and like us:

One Comment

  • Avatar Antonella ha detto:

    Ciao a tutti, sono Antonella e abito a lodi (lo). Vi leggo tutti i giorni x cercare qualcosa di bello almeno nella mia Cesenatico che vivo tutti gli anni a settembre…ma purtroppo vedo le stesse cose che ci sono pure qui. Sembra tutto un incubo…ma prima o poi ci sveglieremo! Vi amo tutti…continuate così…vorrei delle web cam in più in spiaggia così sarei proprio li con voi. Un abbraccio virtuale a tutti!!!!

Lascia un commento