Mentre l’Emilia Romagna vive uno dei suoi picchi pandemici più preoccupanti (ieri quasi 2000 nuovi contagiati e 41 morti), la campagna vaccinale riparte con il coinvolgimento di una nuova categoria: quella del personale scolastico.

Partono oggi, infatti – pur tra mille intoppi – le prenotazioni dei vaccini per insegnanti e personale scolastico. Delle somministrazioni si occuperanno i medici di base.

Da oggi, dunque, si potrà dare al proprio medico la disponibilità a ricevere il vaccino, anche se l’iter presenta ancora qualche incognita. C’è infatti il serio rischio che molti docenti completeranno l’iter vaccinale a fine maggio, dunque a scuola ormai chiusa.

 
 
 

Come spiega Fabio Maria Vespa, segretario regionale della Federazione regionale medici di base oggi a Repubblica, infatti, “prima di passare alla fase operativa, dovremo ricevere le dosi e infine organizzare una seduta per 10 persone, perché tante sono le dosi contenute in ogni fiala AstraZeneca che devono essere usate in 48 ore”. Dopo si penserà al richiamo, per cui devono passare, per questo vaccino, dalle 10 alle 12 settimane.
I primi vaccinati, in pratica, riceveranno la seconda dose a metà maggio. In molti però rischiano di essere immunizzati a cavallo della fine della scuola, anche se già la prima dose garantisce una prima protezione dal virus.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 

Leave a Reply