Anche l’Emilia-Romagna è pronta ad intervenire con provvedimenti geo-localizzati per chiudere, con un vero e proprio lockdown, tutti quei comuni della regione dove l’incidenza dei contagi ha raggiunto livelli preoccupanti.

Dunque, dopo la fascia arancione, per qualche porzione della nostra regione potrebbe profilarsi un regime di limitazioni ancora più rigoroso. Per tante località romagnole che vivono una situazione pandemica in seria evoluzione, è un primo campanello d’allarme.

Per il momento, la spia rossa si è accesa sull’Appennino bolognese, in particolare nella località di San Benedetto Val di Sambro. Il sindaco del municipio bolognese, ha ricordato ieri il Governatore Bonaccini :

“ha emanato un’ordinanza che chiude le scuole più un’altra serie di limitazioni delle attività. Siamo pronti, in contatto con i sindaci dei luoghi dove ci siano casi di epidemia che aumenta, a prendere provvedimenti analoghi ulteriormente restrittivi”.

 
 
 

Una scelta che verrà assunta “nelle prossime ore e nei prossimi giorni – prosegue Bonaccini – nel caso ci fossero queste esigenze. Come abbiamo sempre fatto siamo pronti, di concerto con gli amministratori locali e con quello che le Asl e gli esperti ci consigliano”, sottolinea ancora Bonaccini. Di sicuro ci sarà uno screening approfondito nelle scuole dove, per colpa della variante inglese, sono emersi molti dei contagi.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 

Leave a Reply