Nonostante la zona arancione scuro e quindi l’istituzione della didattica a distanza nelle scuole di ogni ordine e grado (a eccezione dei nidi dell’infanzia) ci sono alcune studenti che potrebbero continuare ad andare a scuola. Gli alunni disabili e a quelli con bisogni educativi speciali possono già frequentare la scuola in presenza, ma lo Stato sta dialogando con le Regioni per aprire anche ai figli di chi è “impegnato presso altri servizi pubblici essenziali”, come le forze dell’ordine e i sanitari.

 
 
 
 

Gli istituti, intanto, sono partiti facendo riferimento alla circolare del Miur di novembre e in parte al buonsenso. Sperando che in corso d’opera una norma definita dalla Stato-Regioni non scombini di nuovo le carte in tavola.

Sostieni livingcesenatico con una piccola donazione!

 
 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply