fbpx

Si sono conclusi con largo anticipo i lavori di Hera riguardanti l’impianto di sollevamento fognario denominato “David” e ubicato all’incrocio tra Viale Carducci e Viale Enrico Fermi a Villamarina: l’intervento da circa € 290.000,00 si era reso necessario per riammodernare un tratto di impianto vetusto e ormai degradato ed era cominciato all’inizio del mese di febbraio. Il lavoro di Hera, in sinergia con l’Amministrazione Comunale, ha permesso di terminare le operazioni in anticipo e di “liberare” in questo modo il tratto di strada per le festività pasquali.

 
 
 

L’intervento di cosiddetto “revamping” era estremamente urgente, visto lo stato di degrado in cui versavano il calcestruzzo che costituisce l’opera civile e il solaio di copertura, che non era più in grado di garantire più la portanza necessaria per la carrabilità.

Il progetto si è occupato della demolizione, ricostruzione e ripristino di tutte le parti ammalorate con conseguente rinforzo della struttura, ammodernamento di vari ambiti dell’impianto e inserimento di un misuratore di portata che consenta al gestore di avere immediate informazioni sul reale ed istantaneo stato di funzionamento dell’impianto.

 
 
 
 

«Voglio ringraziare Hera per la celerità nel lavoro che ci permette di riaprire in anticipo un tratto di strada importante per i cittadini di Cesenatico e per l’attività interessate. Il lavoro era necessario e fondamentale e credo sia stato fatto nel periodo con il minor impatto possibile, l’apertura prima delle festività pasquali è un’ottima notizia”, le parole del Sindaco Matteo Gozzoli.

fogna hera

“Per le socie di Voce Amaranto – afferma Lelia Serra, Presidente dell’associazione Voce Amaranto – un dovere e un piacere lavorare sui temi di genere. Non è un lavoro scontato, può sembrarlo; la prova è la risposta dei ragazzi delle scuole che testimoniano la necessità di affrontare questi temi in tutte le sedi possibili, insieme e sinceramente poiché i pregiudizi non sono facili da capire e quindi da combattere”.

“Grazie a tutte le persone che a diverso titolo contribuiscono a questo progetto. – afferma il Presidente dell’Unione Rubicone e Mare Filippo Giovannini -. Una nuova prova dell’importanza di fare rete, per imprimere alle nostre azioni a favore dell’inclusione e del rispetto sempre più forza ed efficacia”.

 
Alessandro Mazza

Alessandro Mazza

Mi piace farmi gli affaracci vostri!

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply