Il sindaco di Gatteo, Roberto Pari, interviene sul divieto di balneazione in corrispondenza della foce del Rubicone.
“L’acqua prospiciente il territorio di Gatteo Mare risulta classificata come eccellente a seguito dei prelevamenti condotti da Arpae, in base alla normativa vigente ed ai calendari adottati dalla Regione – si legge nella nota stampa del primo cittadino – Quando l’acqua non è stata considerata balneabile, in passato, lo stesso fenomeno ha riguardato anche le località vicine. Pertanto Gatteo ha un’acqua di balneazione del tutto sicura ed in linea con le località vicine. Quindi fare il bagno a Gatteo Mare non comporta problemi di alcun tipo!”.
 
 
 
 
“Il divieto di balneazione prescritto in corrispondenza della foce del Rubicone è dovuto a una prescrizione che prevede un divieto generalizzato e permanente di balneazione nel tratto a 50 metri a destra e a sinistra delle foci dei fiumi. Pertanto tale chiusura non è dettata da una qualità delle acque differente rispetto alle altre aree soggette a balneazione. Il divieto di balneazione è presente da decenni, così come i cartelli che riportano tale divieto. Pertanto non è cambiato nulla rispetto agli scorsi anni. I nuovi cartelli installati lo scorso anno e nei giorni scorsi sono stati semplicemente rivisti e implementati a seguito delle interlocuzione avvenute con i vari soggetti coinvolti, tra cui anche i carabinieri forestali, al fine di rendere una migliore informazione ai fruitori. Quindi chi ha sempre frequentato Gatteo Mare può continuare a farlo senza timori e con tutta tranquillità”.
 
 
 
 
 
“Detto questo il Comune si è attivato già da tempo presso gli Enti competenti, al fine di verificare le condizioni necessarie all’eliminazione di tale divieto. Sono allo studio alcune soluzioni. È essenziale, tuttavia, che si programmino interventi idonei a carico del sistema fognario di Gatteo Mare e delle località vicine ed a monte e che si prevedano le opportune misure al fine di ridurre la presenza di eventuali sostanze inquinanti all’interno del Rubicone. Questo non solo al fine di eliminare il divieto di balneazione, ma per garantire un importante passo in avanti nel miglioramento della qualità ambientale del nostro territorio”, conclude il sindaco.
Ci preme sottolineare che, è vero che il divieto di balneazione alla foce del Rubicone è presente da decenni, ma è altrettanto vero che “i cartelli installati lo scorso anno e nei giorni scorsi” sono una novità per il tratto di spiaggia interessato dal divieto.
 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply