Il dinamometro è uno strumento di precisione il quale misura l’intensità della forza di un oggetto in Newton, in Chilogrammi o in Dyne grazie all’allungamento della molla elastica di bronzo o di acciaio.
Per un corretto funzionamento, è necessario posizionare il misuratore in posizione verticale e agganciare la parte superiore ad una superficie fissa come il soffitto assicurando in questo modo la dovuta stabilità. Mentre, nella parte inferiore viene appeso su un gancio l’oggetto interessato il cui peso determinerà l’estensione della molla e, di conseguenza, rivelerà anche la sua forza. Da tutto ciò è possibile desumere che tale strumento si basi sulla legge fisica di Hooke secondo la quale “l’allungamento di un corpo elastico per effetto dell’attrazione gravitazionale, è direttamente proporzionale alla forza applicata”.

Infine, è bene precisare che è importante per l’acquirente scegliere con cura sia il portale e-commerce specializzato sia la giusta tipologia di dinamometro prendendo in considerazione non solo il suo utilizzo ma anche il peso dell’oggetto.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Dinamometri: dove acquistarli online

Chi ha bisogno di un dinamometro per motivi lavorativi o per uso domestico può rivolgersi al web. Qui è infatti possibile trovare numerosi modelli di qualità adatti ad ogni tipologia di utilizzo. Un esempio in tal senso è il dinamometro digitale su Rs Components online, e-commerce specializzo nella fornitura di articoli professionali pensati per soddisfare le esigenze di ciascun utente.

Su questo portale, inoltre, si possono visionare le schede tecniche di ogni prodotto permettendo così ai consumatori di conoscerne i vantaggi, le caratteristiche e i dettagli. Ciò fa sì che l’acquirente sia in grado di valutare la sua qualità e di procedere all’acquisto in modo del tutto consapevole.
Da ultimo, e non per minore importanza, si evidenzia il fatto che i privati o i professionisti possano trovare in pochi secondi il modello desiderato attraverso la selezione di diversi filtri, come la risoluzione, il marchio, la capacità di marchio e il calibrato, risparmiando così tempo, energia e denaro.

Dinamometri: tipologie e applicazioni

Come è stato precedentemente accennato, presso la pagine web dei rivenditori specializzati sono presenti diverse tipologie, tra cui i dinamometri di precisione, meccanici, professionali, per uso a mano e molti altri.
Inoltre, non è un caso che il più richiesto sia il modello digitale dal momento che permettendo a chi se ne serve di vedere immediatamente il valore sul display a LCD o LED agevola ulteriormente il suo utilizzo. Tra l’altro, grazie ai progressi tecnologici, queste apparecchiature consentono il trasferimento dei dati raccolti al computer per mezzo di specifici software e di porte RS 232 o USB, così da garantire in un secondo momento lo studio sui valori sopra menzionati o direttamente sul desktop o in formato cartaceo. Vista la semplicità e la facilità del suo impiego, il medesimo viene utilizzato in diversi ambiti di applicazione dal settore edile a quello industriale, ma anche nel quotidiano per scoprire il peso del proprio bagaglio al fine di rispettare i limiti delle compagnie aeree.

Invece, il dinamometro a molla risulta essere la tipologia più semplice dove si ricava l’intensità dell’oggetto dalla scala graduata; pertanto, può essere usato nei laboratori, nelle scuole o nella meccanica.
In generale, prima di scegliere il modello adatto a soddisfare le proprie esigenze, l’utente deve tener conto della massa che dovrà essere agganciata: ad esempio, nel caso in cui gli oggetti abbiano un peso di 100 kg, dovranno essere acquistati dinamometri muniti di moschettone come aggancio.
Per concludere, soprattutto nel settore industriale i medesimi devono avere una determina taratura per adempiere il loro scopo il quale può riguardare il test su cinghie, su filati o su imbracature.

I am raw html block.
Cli

ck edit button to change this html

 
Anna Budini

Anna Budini

Anna Budini scopre il mondo del giornalismo nel 2004 nella redazione de La Voce di Romagna. Ha poi l'occasione di passare ai settimanali nazionali, inizia così a scrivere per Visto, ma nonostante la firma sul nazionale, scopre che la sua grande passione è la cronaca locale. Dal 2016 ha iniziato a scrivere per il Corriere della Sera di Bologna.

Leave a Reply