fbpx
 
 
 

Pesca della tratta, un’alba e in tanti a “sporcarsi le mani”. Nel silenzio delle 5.50, in un’atmosfera ovattata cullata dalle prime tiepide luci del giorno le due imbarcazioni del Museo della Marineria sono “scivolate” nello skyline dlela spiaggia di ponente.

Il tempo. Il suo scorrere lo si nota all’alba quando in una manciata di secondi il sole fa capolino ed è subito sopra l’orizzonte.

 
 
 

Piedi in acqua in acqua nella bassa marea da un lato, il primo capanello di curiosi e fotografi si radunava dall’altro, la battigia. Poi le indicazioni su come issare a riva la rete che era stata assicurata a decine di metri di distanza nelle ferre mani di un gruppo di trattaroli.

La rete viene calata nell’aqua fino a creare una U dove i due capi sono a riva pronti per essere “tirati” a riva son gli argani che si chiamano braccia. Sono diventati trattaroli per un giorno passanti e chiunque volesse fare un piccolo gesto da ricordare.

 
 
 
 

Ne è valsa la pena visto che, anche se nell’acqua bassa, qualche pesce è stato catturato.

La “tratta” è un tipo di pesca tradizionale che non si effettua più da decenni (concessa in questa occasione proprio perchè è una rievocazione) ma che possiede un grande fascino sia per i suoi gesti, che assomigliano quasi ad una danza silenziosa, sia perché si svolge sotto gli occhi dei passanti. 

La tratta, infatti, viene effettuata portando al largo con un piccola barca una rete, poi recuperata lentamente a mano alla spiaggia da parte di due squadre di “trattaroli” che devono muoversi in modo ritmato e coordinato.

L’importanza della rievocazione è nel mantenere vivo e tramandare un “saper fare” che altrimenti andrebbe perduto.

A questo link il calendario con i prossimi appuntamenti con la pesca alla tratta a Cesenatico.

 

 
Alessandro Mazza

Alessandro Mazza

Mi piace farmi gli affaracci vostri!

Inviando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati secondo le vigenti norme di Privacy e diritto di autore. Per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy e Cookie.

Leave a Reply